Nuclearforpeace

INTERVENTI AL CONVEGNO DI GENOVA

Genova 22 febbraio 2011

Ascolta l'intervento del Card. Bagnasco

Il cardinal Angelo Bagnasco ha introdotto insieme a Maria Romana De Gasperi il convegno “Il disarmo nucleare occasione di sviluppo in Italia e nel Sud del Mondo” che si è svolto a Palazzo Ducale a Genova stamane.

Il Cardinale Bagnasco, a nome della Diocesi, ha accolto il Programma Megatons to Development come occasione di sviluppo per l’umanità, come momento di unione dei popoli e come strumento di pace nel mondo, consentendo la possibilità di costruire, a partire da Genova, un mondo a misura dell’uomo. Il cardinale ha concluso il suo intervento augurandosi una maggiore diffusione del progetto.

Giuseppe Rotunno del Comitato ha presentato il programma di conversione delle testate nucleari del disarmo in combustibile nucleare per l’uso nelle centrali nucleari e ha sottolineato l’importanza del Progetto nel destinare parte del dividendo economico in progetti di sviluppo per i Paesi del Sud del Mondo.

I sindacati confederali hanno ribadito l’importanza della ricaduta occupazionale e di riduzione dei costi per le PMI italiane. Inoltre è sottolineato il know how che si verrebbe a creare e che potrebbe essere da stimolo anche per altri settori produttivi. In particolare, una contribuzione predefinita a livello internazionale sul combustibile da disarmo nucleare.

Gli esponenti di Confindustria e Ansaldo Nucleare, hanno affrontato gli aspetti più tecnici del progetto, sottolineando la sicurezza delle Centrali Nucleari nel mondo e la riduzione di CO2 (nuovi Certificati Arcobaleno). Inoltre, sono stati sottolineati i benefici economici derivanti dalla riduzione dei costi dell’energia elettrica con benefici per la popolazione e per la competitività dell’industria italiana.

Si è concordato di portare alle autorità nazionali ed internazionali il Progetto ad iniziare dalla IAEA.