Nuclearforpeace

Documento dal Vaticano

Vaticano, 17 maggio 2008

Dalla Segreteria di Stato del Vaticano alla sig.a Maria Romana De Gasperi Presidente onorario dell'Associazione “Comitato per una Civiltà dell’Amore”

Gentile Signora,

Il Santo Padre Benedetto XVI ha ricevuto l’informazione, da Lei gentilmente inviata, circa il Simposio Internazionale: “Dalla conversione nucleare: energia di pace e sviluppo sostenibile”, che si terrà a Roma il 22 maggio 2008.

Sua Santità è vivamente riconoscente per il cortese gesto e mi incarica di porgere a Lei, agli altri organizzatori e ai partecipanti il Suo cordiale saluto e il suo benedicente augurio per un proficuo lavoro e il successo dell’iniziativa.

Il tema scelto per il Simposio trova particolarmente sensibile la Santa Sede, la quale, in numerosi fori, ha messo in rilievo l’importanza di affermare una cultura della pace basata sulla dignità dell’essere umano e sul primato del diritto, chiamando tutti i membri della comunità delle Nazioni ad una collaborazione responsabile e coerente.

Circa lo stretto nesso di tale cultura e la questione nucleare, mi piace ricordare quanto lo stesso Papa Benedetto XVI ebbe modo di dire all’Angelus di domenica 29 luglio 2007: “I cambiamenti avvenuti nella nostra società in questi ultimi 50 anni evidenziano come nel difficile crocevia che stiamo vivendo sia sempre più attuale e di grande importanza promuovere la non proliferazione nucleare, incoraggiare un progressivo e concordato disarmo nucleare e favorire l’uso pacifico e sicuro della tecnologia nucleare per uno sviluppo integrale dell’uomo che sia rispettoso dell’ambiente e attento alle necessità dei più bisognosi”.

Consegnando idealmente tali indicazioni del Sommo Pontefice, affinché siano di aiuto alla riflessione e possano orientare nello sforzo di costruzione della civiltà dell’amore, mi è grato, anche da parte mia, inviarLe un deferente ossequio ed esprimere fervidi voti per la riuscita del Simposio.

Tarcisio Card. Bertone
Segretario di Stato di Sua Santità